La psicologa risponde

Come sopravvivere da genitori

Stare 24 ore su 24 con i propri figli, magari continuando anche a lavorare da casa, può essere davvero molto faticoso e possiamo trovarci a fare i conti con un livello di stress che cresce ogni giorno di più.

È facile per un genitore, soprattutto in situazioni difficili, voler indossare i panni del supereroe puntando ad essere perfetto, dimenticando in questo modo di essere una persona, con i propri limiti e fragilità. Essere generosi e indulgenti con voi stessi (oltre che con i vostri bambini!) è indispensabile per sopravvivere. La strategia migliore potrebbe essere quella della minore resistenza, ossia essere ragionevoli, tolleranti ed allentare il controllo quando serve, per evitare di entrare troppo spesso in conflitto e disperdere così energie preziose. Quindi è importante ricordare e mantenere le regole, ma va bene anche concedere ogni tanto delle eccezioni in tempi così fuori dal normale.

Inoltre, non dimenticate che i bambini ci guardano, per comprendere cosa accade intorno a loro osservano i genitori per vedere come loro affrontano gli eventi, anche i più difficili. Pertanto ricordiamoci che è importante non solo cosa diciamo o facciamo ma soprattutto come lo diciamo e come agiamo. I bambini sono molto attenti alla comunicazione emotiva degli adulti, le persone a cui vogliono bene sono la bussola emotiva attraverso la quale si orientano: se percepiscono paura, hanno paura, se percepiscono tristezza, diventano tristi anche loro. Pertanto, se vi sentite particolarmente in ansia è importante condividere le vostre emozioni e i vostri pensieri con gli adulti di cui vi fidate in momenti in cui non sono presenti i bambini, prendendovi un tempo per voi.

Accogliete quindi il vostro bisogno di “ricaricarvi” quando è necessario: se timore o irritazione prevalgono prendetevi una pausa, guadagnatevi uno spazio per voi, in cui ritrovarvi in solitudine e dedicarvi ad un’attività rilassante, a ciò che sentite più sano per voi in quel momento.

silvia femia

Psicologa dell’età evolutiva e psicoterapeuta specializzata nell’Approccio Centrato sulla Persona, da circa dieci anni si occupa di interventi psicoeducativi rivolti a bambini, adolescenti e di sostegno alla genitorialità. 

Attualmente si occupa del servizio di consulenza psicologica scolastica per alcune scuole di Como e collabora con AttivaMente nella realizzazione di progetti scolastici di prevenzione al bullismo e all’abuso sessuale.

Svolge inoltre percorsi di sostegno psicologico e psicoterapia individuale, di coppia e familiare, rivolti a bambini, adolescenti e adulti.

Qui trovate tutte le info!